Cosa visitare a Thiene

Oltre al Castello: cosa visitare in città

Il Castello di Thiene sorge nel cuore della città di Thiene, antico centro di origine romana a pochi chilometri da Vicenza. Il centro storico che lo circonda è una zona a traffico limitato che ben si presta alle passeggiare lungo le vie scandite da negozi e bar cui si alternano edifici di notevole pregio storico che, attraverso le loro pietre, raccontano la storia della città.

 

Uscendo dalla corte del Castello, attraverso la torre merlata, si arriva a Piazza Ferrarin. Il medesimo percorso era compiuto nel passato anche dai proprietari del Castello che però lo effettuavano a qualche metro di profondità. Il Castello infatti è dotato di un passaggio sotterraneo che un tempo consentiva di accedere alla piazza dove sorge la quattrocentesca Cappella Gentilizia, dedicata alla Natività di Maria, con la caratteristica facciata in mattoni rossi. Di epoca più recente è la fontana di Bacco e Arianna, dedicata ai bevitori attraverso le citazioni di Orazio per rendere meno frivolo il messaggio, donata alla cittadinanza dall'ultimo membro della famiglia Colleoni residente nel Castello, Guardino Colleoni.

 

Proseguendo la passeggiata si giunge a piazza Chilesotti, l'antico centro politico della città. Qui c'era la trecentesca Loggia del Podestà, sede governativa della città, sventrata negli anni '20 del '900 per costruirvi il Monumento ai Caduti della prima guerra mondiale, ancor oggi monito del terribile conflitto. Lì vicino il palazzo Machiavelli, con la sua facciata a rombi rossi, commissionato da un Vicario impertinente che non voleva risiedere nella Loggia ma preferiva amministrare il potere direttamente da casa propria. Svetta in cielo, con il suo profilo slanciato, la torre costruita dal celebre architetto rinascimentale Sebastiano Serlio, a metà tra sacro e profano: dai più definita campanile, in realtà torre civica, punto di passaggio e comunicazione tra la sede del potere politico e quella del potere spirituale.

 

Attraversandone l'apertura arcuata si arriva, infatti, alla piazza del Duomo. Qui troneggia l'edificio sacro dedicato a San Gaetano (Thiene) di antichissima origine ma vivace cantiere di aggiustamenti e abbellimenti fino agli anni '60 del '900, dalla cui parete est sporge il sepolcro gotico di Miglioranza Thiene. Di dimensioni più ridotte la Chiesa del Rosario, gioiello quattrocentesco la cui facciata fu decorata solo nel '900 perché prima di allora era nascosta da altri edifici ma che al suo interno conserva inalterato il suo carattere originale.

 

Altri punti di interesse da segnalare sono la balaustra in stile Liberty di Casa Chilesotti, lungo il Corso Garibaldi, la Biblioteca civica ospitata nella villa Thiene-Cornaggia la cui facciata è per metà quattrocentesca e per metà ottocentesca, la chiesa di San Vincenzo, la più antica di Thiene fatta realizzare nel Trecento da tre fratelli Thiene per commemorare il padre defunto.

 

Per qualsiasi informazione riguardante il territorio, rivolgersi all'Ufficio IAT (ufficio informazione turistica) al sito www.pedemontanavicentina.com/associazione-iat o al numero 0445/804837

Condividi